Con l’arrivo dell’estate, l’utilizzo del condizionatore si fa sempre più frequente e pertanto insieme a questo, si rendono sempre più necessarie delle operazioni di pulizia e manutenzione dello stesso. Si tratta di piccole attività che occorre svolgere per garantire che il condizionatore continui a funzionare nella maniera corretta e senza rischi per la salute delle persone.
Sanificare i condizionatori permette di raggiungere tre obiettivi differenti: salubrità dell’aria, ottimizzazione del funzionamento, risparmio energetico.

Salubrità dell’aria
Sanificare il condizionatore è indispensabile soprattutto per la salute umana, ovvero per la salute delle persone che si trovano a respirare l’aria fresca prodotta dal condizionatore.
Per capire come l’aria possa incidere sulla salute delle persone, occorre ricordare che un condizionatore svolge la sua funzione principale, di rinfrescatore dell’aria, attivando un meccanismo che consiste nel prelevare l’aria calda e convertirla in aria fredda che verrà diffusa nell’ambiente chiuso.

Durante questo processo il condizionatore si trova spesso ad avere a che fare con batteri ed altri elementi come agenti inquinanti e polvere che devono essere costantemente filtrati. Un accumulo degli stessi porta a una conseguenza negativa per le persone: la respirazione dei batteri contenuti all’interno dell’aria fornita dal condizionatore.

Questo processo dovrebbe essere effettuato prima della stagionale accensione. Non esiste però un momento preciso da rispettare, basta semplicemente avere cura del fatto che quanto più il condizionatore viene usato e tanto più frequentemente questo necessiterà di essere sottoposto ad una pulizia per la sua sanificazione.

Ottimizzazione del funzionamento
Il lavaggio del condizionatore è fondamentale per garantirne un buon funzionamento nel tempo. Come sopra accennato, la presenza di agenti inquinanti nell’aria e di altri fattori, limitano infatti nel tempo il funzionamento del condizionatore e pertanto per poter proseguire nel proprio funzionamento necessita di una pulizia approfondita.

Risparmio energetico
Tenere pulito il proprio condizionatore è indispensabile per la salute ma anche per la bolletta. Un condizionatore i cui filtri sono sporchi infatti, consumerà grandi quantità di gas ed energia elettrica causando un incremento della spesa, conseguenza poco desiderabile da chiunque.

Come fare per sanificare il condizionatore?

La pulizia dovrebbe coinvolgere diversi elementi, tra questi in particolare troviamo i filtri e il motore esterno, che possono essere puliti seguendo alcuni passaggi molto semplici:

Pulizia dei filtri
In primo luogo il filtro va rimosso dal condizionatore, solitamente si tratta di un’operazione molto semplice da svolgere perché è posizionato grazie a sistemi di fissaggio o incastro che permettono una facile rimozione.
Una volta rimosso il filtro, questo si presenterà sporco e pertanto necessiterà di un lavaggio molto accurato: occorre porre il filtro sotto l’acqua e lavarlo abbondantemente con del sapone neutro. il risciacquo è una fase molto delicata perché deve avvenire con estrema cura e attenzione per eliminare ogni residuo di sapone.

Infine l’asciugatura deve avvenire naturalmente ma non in un luogo aperto, per scongiurare il rischio che si sporchi nuovamente, essendo esposti agli elementi ambientali.
L’operazione si conclude con il rimontaggio del filtro nel condizionatore. Per una pulizia accurata tuttavia occorre sempre ricordarsi che andrebbero eseguite anche delle operazione di pulizia dei canali e delle bocchette di emissione.

Spesso in commercio si trovano diversi spray venduti con la funzione di pulizia dei filtri e degli altri elementi del condizionatore. Questi prodotti possono essere suddivisi in disinfettanti veri e propri, che contengono al proprio interno principi attivi biocida e dei semplici igienizzanti, i quali non contengono i principi attivi che permettono di igienizzare, ma solo alcol e profumo.Tutti questi prodotti, contrariamente a quanto si possa immaginare, non sono indispensabili per la manutenzione e corretta pulizia del condizionatore. Per pulire i filtri sarà sufficiente utilizzare del sapone neutro come quello di marsiglia.

Pulizia del motore
Il motore esterno può essere pulito in due fasi: nella prima fase si può procedere ad eliminare la polvere presente sullo stesso attraverso l’utilizzo di una scopa, quella normalmente utilizzata per spazzare i pavimenti; successivamente procedere con la pulizia mediante un panno umido impregnato di detergente, in particolare una buona scelta è l’utilizzo di uno sgrassatore. In casi di sporco particolarmente ostile, ovvero un’otturazione dovuta a polvere o foglie, può rendersi molto utile utilizzare un aspirapolvere.

L’operazione di sanificazione del condizionatore non è particolarmente lunga e complessa, tuttavia in molti casi i condizionatori sono situati in punti della casa nascosti o particolarmente complicati da raggiungere, per questo motivo o in presenza di qualsiasi dubbio relativo a queste operazioni da svolgere, è sempre meglio rivolgersi ad un tecnico. Un risultato positivo sarà in questo modo garantito.

Your email address will not be published.